Morbillo: 15th Global Measles and Rubella Laboratory Network Meeting – WHO Ginevra

Concluso il 15th Global Measles and Rubella Laboratory Network Meeting tenutosi a Ginevra presso la sede dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Il meeting ha visto la partecipazione del dottor Fabio Magurano responsabile della Rete Nazionale dei Laboratori di Riferimento per il Morbillo e la Rosolia MoRoNet. All’appuntamento hanno partecipato i rappresentanti delle sei regioni OMS per condividere e discutere risultati e prospettive della sorveglianza di laboratorio nell’ambito del Piano di Eliminazione di morbillo e rosolia.

Il dottor Magurano è stato chiamato ad illustrare le tappe che hanno portato alla realizzazione della Rete come modello da esportare anche in altri Paesi dell’OMS. MoRoNet, coordinata dal Laboratorio Nazionale di Riferimento per il Morbillo e la Rosolia dell’Istituto Superiore di Sanità, garantisce al Paese un sistema di sorveglianza di laboratorio sensibile e performante secondo quanto richiesto dall’OMS che permette di confermare i casi e stabilire il ceppo virale responsabile.

Moronet: la Rete Nazionale dei Laboratori di Riferimento per il Morbillo e la Rosolia
www.moronetlab.it

Roma, morta di morbillo bimba non vaccinata

Un altro decesso per morbillo di un bambino italiano, questa volta a Roma. Si tratta di una bimba di 9 anni, morta ad aprile scorso all’ospedale Bambino Gesù. Il caso è stato inserito solo ora nel registro di sorveglianza dell’Istituto Superiore di Sanità. La bambina soffriva di una malattia genetica complessa. E non era stata vaccinata.
La bambina, spiegano dall’ospedale pediatrico del Gianicolo, soffriva di una cromosomopatia, una malattia genetica complessa. “Era in cura da noi per questa patologia – spiega all’Adnkronos Salute Alberto Villani, primario di Pediatria del Bambino Gesù e presidente della Società italiana di pediatria – è arrivata in pronto soccorso con febbre alta e un quadro che ha portato al ricovero in terapia intensiva per 10 giorni. Qui è stata fatta la diagnosi di morbillo”.
“La morte – aggiunge – è stata causata da insufficienza multiorgano. Era una bimba in condizioni di grande fragilità, e non era stata vaccinata. Questo perché, con il clima che c’è, diventa complicato per i genitori impauriti dalle fake news vedere la vaccinazione come un’opportunità”.

Villani è molto chiaro: “Per la bimba la vaccinazione non era sconsigliata, ma anzi doppiamente indicata. Solo che viviamo una situazione inverosimile e paradossale in cui, come è accaduto a Monza al collega Biondi, si può vincere una battaglia contro il tumore ma si perde quella contro una malattia infettiva come il morbillo, che può essere prevenuta dal vaccino”. Villani non nasconde la sua amarezza. “Speriamo che migliori la cultura sanitaria e che situazioni drammatiche come queste non si verifichino più”. Dal 1 gennaio 2017 al 18 giugno – come riferisce l’ultimo bollettino dell’Istituto superiore di sanità – sono 3.074 i casi di morbillo segnalati nel nostro Paese, di cui 979 proprio nel Lazio, regione da numeri record in Italia.

LA NOTA – “Una bambina di 9 anni affetta da sindrome genetica è deceduta ad aprile al Bambino Gesù per insufficienza respiratoria e di altri organi in corso di infezione da morbillo (multiorgan failure)”, si legge nella nota diffusa dall’ospedale. “La bambina presentava una malattia cronica di base con compromissione neurologica e infezioni respiratorie ricorrenti. Le persone con malattie croniche di base, quali quelle presentate dalla paziente, hanno un rischio più elevato di avere forme gravi di morbillo, infezione la cui mortalità è pari a 0,5-1 caso ogni 1000 malati. La bambina, non vaccinata, era giunta in Ospedale già affetta da morbillo ed era stata ricoverata in Terapia Intensiva per la necessità di assistenza respiratoria. Dal 1 gennaio 2017 a oggi al Bambino Gesù si sono registrati oltre 70 ricoveri per morbillo”.

 

Fonte: AKS, venerdì 30 giugno 2017